Sabato, 02 Dicembre 2023 08:17

RUMINAZIONE: quando il passato non molla In evidenza

Scritto da

 

A seguito di eventi particolarmente impattanti sul proprio sistema emotivo, o di cambiamenti drastici non voluti, generalmente le persone reagiscono in due maniere differenti: da un lato ci sono quelle che tendono a mettersi in discussione, a darsi le colpe per quanto è accaduto e non doveva accadere, anche quando a ben vedere le proprie colpe sono irrisorie; dall’altro ci sono quelle che macinano rancori e risentimenti verso gli altri, verso gli altri attori della scenografia, anche quando, se facessero un onesto esame di coscienza, potrebbero rendersi conto di aver sbagliato qualcosa.

In entrambi i casi può partire un logorio mentale che risulterà presto sfiancante, dal momento che non si dimostra in alcun modo utile a risolvere il problema, ma quando siamo in questo stato, ahimè, ci sfugge non solo l’inutilità, ma anche il fatto che continuando a rimuginarci sopra la nostra temperatura emotiva si abbassa giorno dopo giorno.

Ciò che è stato è stato e il passato non si può mai cambiare, né con i sensi di colpa, né tanto meno con i risentimenti o con i rancori verso gli altri.

Ma come si può uscire dalla tendenza alla ruminazione? Vediamo insieme alcune strategie che possono essere funzionali.

Buona visione!

 
Letto 269 volte
Sergio Omassi

Sono un life coach e un formatore: ti aiuto a prendere la direzione migliore, rispettando la molteplicità che ti contraddistingue.


SCRIVIMI, TI RISPONDERÒ PRIMA DI QUANTO TU CREDA

VAI AL BLOG

BOOK

 

I 6 PIÙ VISTI

SERGIO OMASSI il saggio: Manuale per Relazioni Fondamentali

SERGIO OMASSI CHI

VAI AL BLOG