Giovedì, 20 Ottobre 2022 09:01

La bellezza degli introversi In evidenza

Scritto da

Essere introversi nel mondo di oggi non è facile, come non lo è aver a che fare con una persona introversa se si fa parte della squadra opposta, quella degli estroversi. Sul piano della comunicazione, infatti, appartenere a una o all’altra di queste famiglie, porta ad avere una visione del mondo sostanzialmente molto differente e non ci sono torti o ragioni, ovviamente, solo sensibilità che hanno sfumature diverse.

Già quasi un secolo prima della ricerca della Cain, un altro studioso non poco conosciuto che si chiamava Carl Gustav Jung, aveva posto l’accento su quanto gli introversi e gli estroversi appartengano a due mondi molto distanti tra loro. Nel 1921, nel suo saggio TIPI PSICOLOGICI, Jung definiva gli introversi come individui con una predilezione per i momenti di solitudine, attratti dall’introspezione e dai sentimenti, mentre gli estroversi lo sono dal mondo esterno e dalle persone. I primi amano ricaricarsi in solitudine, i secondi cercano socialità e spesso non ne hanno mai abbastanza. In questo video approfondiremo insieme i pregi dell'introversione. Buona visione.

 

 
Letto 190 volte
Sergio Omassi

Sono un life coach e un formatore: ti aiuto a prendere la direzione migliore, rispettando la molteplicità che ti contraddistingue.


SCRIVIMI, TI RISPONDERÒ PRIMA DI QUANTO TU CREDA

I 6 PIÙ VISTI

BOOK

 

SERGIO OMASSI il saggio: Manuale per Relazioni Fondamentali

SERGIO OMASSI CHI

VAI AL BLOG