Martedì, 10 Gennaio 2017 16:37

WORKSHOP: I GESTI CHE PARLANO 2017/1

Scritto da

ADV FB CNV Villa Bissiniga feb 2017

DATE WORKSHOP (12 ore):
Martedì 7-14-21-28 febbraio, 7-14 marzo 2017
dalle 20.30 alle 23.00

Docente: Sergio Omassi (vedi chi è QUI)

INVESTIMENTO:
€ 90,00 (€ 15,00 a incontro) da versare all'inizio della prima serata.

TEMATICHE DIDATTICHE

  • Le radici dell’empatia
  • I principi cardine dell’Intelligenza Emotiva
  • I principi cardine dell’Intelligenza Gruppale
  • Cosa sono le emozioni e quanto influiscono sulle nostre azioni?
  • Le due istanze dell’essere umano: Ratio e Inconscio
  • Come comunica l’essere umano?
  • Cosa ci permette la conoscenza della Comunicazione non verbale (CNV)?
  • Menzogne o Autoinganni?
  • L’operatività della CNV
  • Come nascono i pruriti durante il dialogo?
  • Le 3 classificazioni dei segnali non verbali: TENSIONE/RIFIUTO/GRADIMENTO
  • Le 5 aree emozionali in cui si esprimono i segnali non verbali
  • I segnali di TENSIONE
  • I segnali di RIFIUTO
  • I segnali di GRADIMENTO
  • I segnali di INCONGRUENZA tra pensiero logico e inconscio
  • Esercitazioni e pratica esperienziale

IL CORSO PARTE AL RAGGIUNGIMENTO DEL NUMERO MINIMO DI 15 ALLIEVI.

TOTALE POSTI DISPONIBILI: 25


LOCATION:

AGRITURISMO VILLA BISSINIGA | SALÒ (BS)
via Renzano Loc. Bissiniga Salò
http://www.villabissiniga.com/

iscriviti


INTRODUZIONE AL WORKSHOP

Vivere le relazioni oggi è differente da come era viverle prima del 2000.
L’essere umano contemporaneo ha aspettative relazionali ben diverse rispetto a quelle del secolo scorso.
Dal 2000, grossomodo, la tecnologia, l’utilizzo sistematico del web come canale di comunicazione, l’avvento dei social network e di innumerevoli piattaforme di scambio online, la disponibilità di devices sempre più a buon mercato, hanno dato vita a approcci relazionali nuovi, oltre che – a mio avviso – a un dilagante senso di solitudine.

L’uomo e la donna di oggi oggi vivono spesso in modalità multitasking, intessono più relazioni virtuali rispetto a quelle in cui il contatto umano esiste, sono continuamente bombardati da nuovi input, messaggi e opportunità, hanno imparato a selezionare, a convogliare la loro attenzione sulla base del coinvolgimento emotivo che ne deriva.

stopCoinvolgere o motivare un adulto che vive quotidianamente una tale quantità di scelte possibili è diventato più difficile in questo millennio. Lo sanno bene anche i genitori che si trovano ad avere a che fare con figli adolescenti, col loro grado di ribellione e contrapposizione, sicuramente diverso da quello di un tempo.

In questo scenario chi può fare la differenza è colui che sa coinvolgere emotivamente poiché, nonostante i cambiamenti continui, qualsiasi essere umano, in fondo, rimane sedotto da chi sa far vibrare particolari corde emotive. Per capire quali sono le corde sensibili di un individuo si dimostra utile, se non necessaria, la conoscenza di una comunicazione che va al di là del piano logico-razionale-verbale.

Il nostro corpo parla, attraverso spostamenti dell’asse corporea, pruriti, toccamenti, gesti, toni della voce, sguardi, gestione degli spazi.
Se provo paura, ad esempio, posso affermare di non essere affatto impaurito, ma il mio corpo dirà esattamente il contrario. Se provo rabbia posso negarlo verbalmente, ma il tono della mia voce mi tradirà.

Quando sono i sentimenti o le emozioni ad essere in gioco, i nostri movimenti, il tono di voce che usiamo, i gesti che facciamo contano di più di ciò che stiamo dicendo per qualsiasi interlocutore (vedi Albert Meherabian).
Conoscere questo linguaggio e le sue sfumature ci permette di gestire le nostre emozioni e quelle del nostro interlocutore, sia egli cliente, coniuge, figlio, genitore, amico, collaboratore, paziente…

Conoscere le chiavi di lettura utili a rendere le relazioni fluide può agevolare la generale motivazione a fare ed accrescere la propria qualità della vita. Saper evitare, ad esempio, che un normale contrasto degeneri in conflitto offre a chi ne è in grado la capacità di costruire relazioni sane e funzionali, generando benessere emotivo per entrambe le parti coinvolte.

La capacità di relazionarsi in maniera fluida con altre persone è alla base dell’Intelligenza Emotiva, ben diversa dall’Intelligenza Razionale (quella comunemente chiamata Quoziente Intellettivo, o in breve QI) ed oggi valutata come parametro fondamentale, ad esempio, nei colloqui di selezione di molte aziende all’avanguardia, che non misurano più solamente le skill tecniche del candidato, ma si preoccupano di intercettare in lui alcune capacità emotive precise, in assenza delle quali non può instaurarsi un rapporto di lavoro.

MODALITÀ DIDATTICA

La didattica verrà sviluppata in aula, con l’aiuto di dispense cartaceee consegnate ad ogni partecipante, riproducenti le slide che verranno proiettate durante le lezioni.
In alcuni momenti verranno proiettati video per rendere più agevole la comprensione delle tematiche trattate.

La modalità di docenza è “aperta”: ogni partecipante potrà intervenire per chiedere chiarimenti o per dare un contributo. Sarà mia cura gestire il flusso di interventi, ma li reputo fondamentali per creare un tipo di scambio orizzontale, in cui chiunque possa sentirsi parte del gruppo di studio, e sia spinto a contribuire.


Ad ogni partecipante verrà data la dispensa didattica per seguire le lezioni.

N.B. Si consiglia di portare un BLOCK NOTES e una penna per prendere appunti.

iscriviti

INFOLINE:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
346 2858832

Letto 6461 volte
Sergio Omassi

Formatore in Comunicazione Efficace, Life Coach
Esperto di linguaggio non verbale


SCRIVIMI, TI RISPONDERÒ PRIMA DI QUANTO TU CREDA

SERGIO OMASSI CHI

logo AR 02

BOOK

CONTATTAMI SU WHATSAPP omassi

whatsapp

ARTICOLI NEL BLOG

CONTATTA SERGIO OMASSI

STUDIO:
Via Luigi Gadola, 33
25136 Brescia

training@omaxi.net
+39 346 2858832

SEGUI SERGIO OMASSI

facebook   linkedin   camTv
 
 
Vai all'inizio della pagina