Mercoledì, 02 Novembre 2016 14:27

Le 12 scuse che ci danno un alibi per comprare In evidenza

Scritto da

acquisto motivazione 06

Quante volte hai comprato qualcosa per poi dirti "non mi serviva"? In quel momento, che io chiamo il risveglio dall'ipnosi, ti rendi conto che non utilizzerai l'articolo che hai acquistato, o lo userai poco, quindi si accende una sorta di pentimento.

Oggi gli esperti di marketing sostengono che non è vero che compriamo cose che non ci servono: ci servono eccome!

Molte volte abbiamo bisogno di questi acquisti non per il loro utilizzo pratico - che spesso è appunto molto diradato nel tempo - ma per colmare un desiderio concreto, a volte acuto, che non è consapevole e razionale.

L'essere umano ha necessità fondamentali, come quella del cibo, di una dimora confortevole e di qualche vestito essenziale, ma tutto il resto? Nella categoria "tutto il resto", spesso non acquistiamo l'oggetto in sé ma qualcos'altro. E chi si occupa di marketing ci sa vendere proprio quello.

acquisto motivazione 01Oggi andare incontro ai bisogni dei clienti non è più soddisfare necessità fisiche, pratiche o primarie, a meno che non parliamo di particolari medicinali (su molti di quelli "da banco" e sul marketing che ci sta dietro potrei scriverne delle belle).
Oggi chi si occupa di marketing ha il compito di accendere desideri... per poi soddisfarli.

Abbiamo bisogno di una scusa, o più di una, per mettere mano alla carta di credito: ci serve una giustificazione psicologica per spendere sul superfluo.

Pamela N. Danzinger, esperta di psicologia e marketing presso la sua azienda Unity Marketing, ha condotto una ricerca, raccontata nel suo libro "Why People Buy Things They Don't Need", che l'ha portata a individuare dodici motivazioni (scuse) che utilizziamo per darci il permesso di comprare:

  1. Godimento
  2. Istruzione
  3. Soddisfazione emotiva
  4. Intrattenimento
  5. Relax
  6. Abbellimento (di sé o della casa)
  7. Cambiare/aggiornare un prodotto che già possediamo
  8. Acquisti pianificati
  9. Antistress
  10. Hobby
  11. Farsi un regalo
  12. Status

Personalmente aggiungerei una tredicesima voce: il senso di sicurezza/protezione, quello che ci spinge a sottoscrivere una polizza, a comprare un antifurto, o le grate di ferro alle finestre, ecc.

Ognuna di queste motivazioni, una volta soddisfatta, va ad accrescere e a migliorare la percezione di QUALITÀ DELLA VITA, percezione che, seppur a tempo determinato (di solito scema di fronte a un nuovo bisogno), ci fa sentire realizzati

acquisto motivazione 02Chi fa marketing a livelli seri, dopo aver analizzato il target dei potenziali acquirenti di un prodotto, è in grado di capire come intercettare almeno una delle ragioni sopra elencate per spingere i più a cedere alla tentazione di acquisto, o meglio: è in grado di creare da zero la tentazione, semplicemente toccando le giuste corde emotive del cliente.

"Quando i responsabili del marketing capiscono veramente gli effetti dei prodotti sulle emozioni e il cervello dei clienti, un uso accorto di questi 'motivatori' mischierà le carte a vantaggio del marketing e darà al consumatore il permesso di comprare."
[dal libro "Why People Buy Things They Don't Need" di Pam Danzinger]

Da anni, infatti, nel mondo della pubblicità si parla di emotional branding o emotional marketing, visto che nella maggior parte dei casi scegliamo cosa comprare spinti dalle emozioni del momento (o del periodo) e siamo particolarmente sensibili a tutti quei segnali che ci vengono proposti proprio su quel piano.

Ognuno di noi fa parte di un target, più o meno ampio a seconda di quanto è sofisticato a livello emotivo, ed esistono per ogni target determinati segnali (in ipnosi si chiamano ancoraggi e sono molto simili) che sono progettati nel vero senso del termine affinché il messaggio emotivo corrisponda alle reali esigenze emotive del potenziale cliente.

Quando siamo in preda a un impulso di acquisto, quindi, sarebbe il caso almeno di individuare con quale (o quali) delle motivazioni della Danzinger abbiamo a che fare.

È un buon esercizio, che a volte ci fa risparmiare denaro.

Letto 1198 volte
Sergio Omassi

Formatore in Comunicazione Efficace, Life Coach
Esperto di linguaggio non verbale


SCRIVIMI, TI RISPONDERÒ PRIMA DI QUANTO TU CREDA

logo AR 02

BOOK

amazon

CONTATTAMI SU WHATSAPP

whatsapp

Vai all'inizio della pagina