>
Stampa questa pagina
Giovedì, 11 Aprile 2019 13:47

Disparità tra donne e uomini In evidenza

Scritto da

Sergio Omassi disparita donna uomo 00Della casalinga di Voghera e di altri vizi lessicali

Quanto, nelle espressioni di una lingua, si annida ancora una differenza di considerazione rispetto ai generi maschile e femminile?

Oggi ho ascoltato per qualche decina di minuti un'intervista in cui il conduttore, nella sua ammirevole umiltà, dopo averla nominata, ha ammesso di non sapere come è nata l'espressione "casalinga di Voghera".

 

Sergio Omassi disparita donna uomo 01Credo sia interessante innanzitutto fare il punto sul quando si utilizza questa formula, che sembra nasca dal lessico giornalistico del secondo dopoguerra e vada ad indicare la figura femminile piccolo borghese, di cultura medio bassa e fruitrice di programmi tv piuttosto scadenti sotto il profilo culturale.

Se un prodotto piace alla casalinga di Voghera, piccolo comune della provincia di Pavia, significa che piace alla massa. Se un concetto lo capisce la casalinga di Voghera, allora lo può capire chiunque. E via così...

Si utilizza, quindi, questa espressione per indicare un individuo femminile che serva da paradigma per un certo tipo di persona, di un genere preciso, con una cultura medio bassa, e una professione chiaramente poco edificante.

Per il genere maschile, al fine di individuare un corrispettivo, si parla di Signor Rossi, al massimo di Pinco Pallino, senza dare chiari riferimenti alla sua professione. Il signor Rossi può essere un'operaio, ma anche un fornaio, un meccanico, un autista, ecc.

La donna di Voghera, invece, è casalinga e, si scoprirà grossomodo nel 2007 grazie a un'inchiesta voluta dalla trasmissione Melog di Radio24, può essere anche una prostituta. Una puttana, sì, hai capito bene: una donna che offriva il suo corpo - tra gli anni 50 e gli anni 80 - sulla soglia della propria casa, in cambio di qualche soldo, nel piccolo comune di Voghera appunto.

Nubili e Scapoli: sfumature etimologiche che la dicono lunga

Vediamo adesso la differenza nelle parole che vanno a identificare i giovani e gli adulti nella nostra lingua.

Una donna non sposata, ancora oggi, si chiama signorina, anche se finalmente se ne sta perdendo l'abitudine. Il termine signorina va a connotare un'individuo femminile che, oltre a non essere sposata, è anche giovane. Dopo una certa età la signorina, se non trova il marito, si chiamerà nubile, parola che deriva dal verbo latino nubere, che significa prendere marito. Nella parola nubile è insito il concetto che a una certa età si dovrebbe prendere marito e si dà ancora per scontato, troppo spesso, che se una donna è nubile, lo è perché nessun uomo l'ha voluta, quindi il passo da nubile a zitella è breve, ed è chiara l'aura dispregiativa che si tende a mettere su una donna in età da marito che ancora un marito non ha.

Sergio Omassi disparita donna uomo 03Solo da sposata, una donna ha diritto a sentirsi chiamare Signora.

Rendiamoci conto del fatto che nelle formule di denominazione della donna, ancora oggi, alla faccia della privacy, si evince il suo stato sociale, ovvero se è sposata oppure no.

Il Signor Rossi, invece, chi se ne frega se è sposato o no...

Un uomo, dopo una certa età, signore lo è comunque e prima di quell'età non è più nemmeno un signorino, perché il termine è caduto in disuso da quasi un secolo, forse proprio per garantire una certa riservatezza, che alla donna ancora non può esser garantita a quanto pare.

Ma... se il signor Rossi non è sposato, come si può... denominare?
Come si chiama un maschio non sposato nella nostra società?

Si chiama SCAPOLO.

Conosci l'etimologia di questo aggettivo? E' interessante sapere che deriva dal latino capulus, che significa cappio e con l'aggiunta del prefisso ex, diventa chiaramente libero dal cappio, libero da vincoli.

È una storia, quella che abbiamo alle spalle, che ancora ha i suoi strascichi sul piano delle differenze di genere.

Poi ci domandiamo perché, ancora oggi, a parità di ruolo aziendale, in moltissime aziende il maschio prenda uno stipendio più alto rispetto a una femmina?

Letto 2941 volte
Sergio Omassi

Sono un life coach e un formatore: ti aiuto a prendere la direzione migliore, rispettando la molteplicità che ti contraddistingue.


SCRIVIMI, TI RISPONDERÒ PRIMA DI QUANTO TU CREDA

Ultimi da Sergio Omassi